Dalla stampa locale

Tre richieste al primo ministro

La Nuova Ferrara del 29/05/2013  ed. Nazionale  p. 2

L’importanza della deroga al patto di stabilità per poter spendere i soldi per la ricostruzione

di Gian Pietro Zerbini

Schermata del 2013-05-29 21:18:09FERRARA. Domani il Presidente del Consiglio, Enrico Letta, sarà in visita in alcune zone del modenese colpite dal terremoto dello scorso anno. Il premier arriverà a Bologna dove nella sede della Regione avrà un incontro con il governatore emiliano-romagnolo Vasco Errani e anche con gli amministratori ferraresi. La presidente della Provincia di Ferrara, Marcella Zappaterra, anticipa quelle che saranno le aspettative e le richieste che i rappresentanti delle popolazioni ferraresi chiederanno al premier a un anno da quelle fortissime scosse che hanno provocato la morte a una trentina di persone ed hanno distrutto case, scuole, fabbriche, chiese e tante strutture. «Abbiamo – dichiara la presidente Zappaterra – le idee molto chiare su cosa gli raccomanderemo e anche su quello che chiederemo al primo ministro. Le priorità sono essenzialmente tre: deroga al patto di stabilità per i Comuni e le Province interessate dal terremoto; contratti a tempo determinato per spendere le risorse a disposizione e per la ricostruzione; intervento sul decreto 43, che concede sostanzialmente l’emergenza terremoto fino a tutto il 2014». «Come Provincia di Ferrara, osserva la presidente – abbiamo in dotazione 24 milione da spendere per la ricostruzione, ma senza la deroga non possiamo toccare quegli euro. Inoltre c’è la richiesta di chiedere contratti a tempo determinato in questa fase della ricostruzione perché nel frattempo abbiamo attuato una politica di riduzione dei costi, compresi quelli al personale. Il terzo punto di vitale importanza riguarda la proroga dell’emergenza perché si sono ottenuto risultati molti positivi nelle risorse a copertura. L’emergenza non è affatto finita, abbiamo bisogno di un altro periodo di transizione. La ricostruzione, ad una anno dal sisma, ci vede tutti fortemente impegnati con tutte le difficoltà che comporta questo genere. In conclusione chiederemo al Governo di starci vicino, concedendo agli enti pubblici la possibilità di poter spendere le risorse che hanno a disposizione e liberarli dalle contraddizioni di alcune normative nazionali, in modo da completare il percorso di ricostruzione, cercando nel contempo di dare ossigeno all’economia». Dopo l’incontro di Bologna, il premier Letta si recherà in alcuni centri del polo biomedicale del modenese.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...