Dalla stampa locale

La presidente Boldrini il 20 a Ferrara

La Nuova Ferrara del 09/05/2013  ed. Nazionale  p. 3

Nell’anniversario del sisma. Ieri alla Consulta sull’Economia l’assessore Muzzarelli ha presentato i progetti di rilancio

2013-05-09_11-28-01FERRARA. Laura Boldrini, presidente della Camera dei Deputati, presiederà a Ferrara il prossimo 20 maggio alle ore 16 i consigli provinciale e comunali congiunti dell’area colpita dal sisma. L’iniziativa, che si svolgerà nel cortile del Castello Estense o, in caso di maltempo, nella Sala degli Stemmi, è inserita nell’ambito delle cerimonie istituzionali organizzate dalla Provincia, dal Comune di Ferrara e dai Comuni dell’area terremotata e non nel giorno del primo anniversario delle scosse del maggio 2012. All’iniziativa saranno invitate anche le categorie economiche. Sarà presente fra gli altri il presidente della Regione Vasco Errani, commissario per l’emergenza terremoto, oltre al ministro per i rapporti col parlamento Dario Franceschini e ai parlamentari ferraresi. L’annuncio dell’arrivo della presidente Boldrini è stato confermato ieri mattina. La terza carica dello Stato ha dato la sua completa disponibilità a partecipare all’evento legato al terremoto per capire meglio e toccare con mano le problematiche emerse nella fase successiva al terremoto . «Siamo ormai ad un anno dalla data di quel triste 20 maggio, che tutti i ferraresi ancora ricordano – dichiara Marcella Zappaterra, presidente della provincia di Ferrara – abbiamo lavorato tutto quest’anno per cercare di superare al meglio questo evento distruttivo, l’anniversario del terremoto rappresenta un momento importante e celebrativo non solo per ricordare le vittime ma anche su ciò che è stato fatto e su quello che c’è ancora da fare per tornare progressivamente alla normalità. E per questo occorrono il lavoro e l’impegno di tutti, delle istituzioni locali ma anche dal governo, proprio per il lungo lavoro che ci aspetta ancora. È importante che la filiera istituzionale faccia squadra. I nostri parlamentari conoscono bene i problemi e saranno in grado di far capire le difficoltà che ancora ci sono da superare . L’arrivo e l’interessamento della terza carica dello Stato che si innesta sull’impegno istituzionale di questi primi mesi. Penso che la presidente abbia piena conoscenza dei problemi e del sostegno che ci serve. Positivo anche il fatto che abbiamo allungato lo stato di calamità per consentire di lavorare più a fondo sulla ricostruzione». Ieri la Consulta dell’Economia La presidente della Provincia proprio ieri parlando alla Consulta provinciale dell’Economia alla presenza dell’assessore regionale Muzzarelli ha parlato del terremoto del 20 e 29 maggio: «È stato un sisma dai grandi numeri ha precisato – sono 33 i comuni del cratere, per una popolazione di 550 mila abitanti. Un bacino che ha visto coinvolte 48 mila aziende per 190 mila addetti. All’indomani del terremoto sono stati 41.000 i lavoratori in cassa integrazione per causale sisma. Erano queste le dimensioni del problema che ci si trovava ad affrontare. Si è scelto un modello, quello della gestione commissariale in capo al Governatore della Regione, con il coinvolgimento delle Province e dei Comuni, che è un modello diverso da quello adottato in passato in altre esperienze e che ci ha convinto per impostazione ed anche per efficacia». Marcella Zappaterra ha ricordato che la notizia del «sindaco dell’Aquila che ha clamorosamente restituito la fascia di primo cittadino al capo dello Stato dichiaranto di sentirsi abbandonato. Qui il commissario straordinario e la Regione hanno saputo mantenere un dialogo costante con le istituzioni locali e con le parti sociali per mettere a punto un sistema di ordinanze commissariali che rispondesse alla complessità della situazione». «Sono state numerose le ordinanze, un centinaio lo scorso anno e nel 2013 siamo già arrivati a 55 – ha proseguito la presidente – Sono tante, certo, e non sempre è facile orientarsi. L’ordinanza cardine per le imprese, la n. 57/2012, è stata recentemente rimodulata con l’ordinanza 42/2013 che amplia le tipologie dei costi ammissibili, accorcia i tempi delle liquidazioni, introduce la possibilità degli anticipi sulla liquidazione e la possibilità di chiedere un parere preventivo sulla congruità dei costi. E’ stato centrato l’importante e non scontato obiettivo di portare i contributi dell’80% al 100% sia per le abitazioni che per le imprese. Con l’ordinanza 23 del 22/2/2013 che mette a disposizione 67 milioni di euro di fondi Inail, da ultimo modificata con l’ordinanza 52 del 29/4/2013, che mette a disposizione cofinanziamenti sino a 149.000 euro, è stata data una risposta per la messa in sicurezza dei capannoni anche per leimprese che non avevano subito danni ma che essendo localizzate in Comuni cel cratere sono sottoposte agli obblighi del miglioramento sismico». Sessantasei sono state le imprese ammesse a contributi per 830mila euro. Zappaterra ha sottolineato il rischio che le deroghe al patto di stabilità siano previste per i Comuni terremotati ma non per le Province. L’assessore Muzzarelli All’incontro con i componenti della consulta ha partecipato anche l’assessore regionale Giancarlo Muzzarelli. che ha annunciato per lunedì un in contro con i parlamentari i quali sarà presentato un pacchetto di proposte per estendere i contributi a soggetti finora non inclusi nei provvedimenti finanziari. Come i proprietari di abitazioni regolarmente affittate a personale impegnato negli interventi del post-terremoto. Come l’allentamento del patto di stabilità per gli enti locali o la proroga a tutto il 2013 del prestito gratuito concesso alle imprese per far fronte al pagamento delle tasse. A chiederlo sono state 3960 ditte nel 2012 per un importo di 750 milioni. «La macchina della ricostruzione è avviata – ha concluso Muzzarelli – a muoversi sono state oltre 380 imprese agricole. A S. Agostino un’azienda ha ottenuto oltre 2 milioni di euro. Sono state stanziate risorse per la delocalizzazione del commercio, i Comuni hanno rilasciato cambiali a centinaia di imprese e famiglie».

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...